Città di Catania: cosa vedere

La fontana dell'Elefante 
in Piazza Duomo
  Chi giunge in Sicilia non deve dimenticare di fare tappa a Catania, la città situata alle falde dell'Etna, il vulcano più alto d'Europa. Vediamo cosa Catania ha in serbo per i numerosi visitatori che in ogni periodo dell'anno decidono di farle visita.

  Le origini di Catania si perdono nella notte dei tempi, essendo stata fondata nel VII sec. a.C. dai coloni Calcidesi provenienti dalla vicina Naxos, come racconta lo storico Tucidide.
   Si può con tutta certezza affermare che la città sia rinata più volte dalle sue ceneri, essendo stata colpita da numerose eruzioni, terremoti ed eventi bellici. Lo stretto legame col vulcano si può anche notare in alcuni edifici e nei muretti che costeggiano le strade, realizzati con la pietra lavica.
   Da questo territorio passarono anche i Romani, gli Arabi e poi i Normanni, gli Svevi e gli Aragonesi, lasciando numerose tracce della loro presenza, che oggi arricchiscono il patrimonio artistico ed architettonico della città. Basterà fare un giro nel centro storico per rendersene conto.
   Qui infatti tra i tanti monumenti spiccano la Cattedrale di epoca normanna, con il vicino Seminario dei Chierici e il Palazzo Comunale (Palazzo degli Elefanti) che si affacciano tutti nella splendida piazza Duomo, che ospita al centro la fontana dell'Elefante, simbolo della città. Di epoca normanna è anche il Castello Ursino, fatto edificare nel XIII secolo da Federico II, dove ha sede il Museo civico.
   Nel comune etneo trascorse molti anni della sua vita lo scrittore Giovanni Verga e, in via Sant'Anna al civico 8, si può fare visita a quella che fu la sua casa.

  Il salotto della città è costituito dalla via Etnea, che si sviluppa per ben 3 km, attraversandola da nord a sud partendo proprio dalla piazza Duomo, dove sono concentrati negozi e boutique di moda, che si alternano ai locali della movida catanese.
   La via Etnea passa anche per la Piazza Università, sulla quale prospettano il palazzo Sangiuliano e quello dell'Università, entrambi capolavori del barocco siciliano. Ma di chiese, musei e  palazzi antichi ve ne sono tanti altri e per fare visita alla città non bastano neanche un paio di giorni.
  Catania è dotata di un porto, il secondo della Sicilia per intensità di traffici, e di un aeroporto. Quest'ultimo è il principale scalo dell'isola e dell'intero Mezzogiorno ed è il sesto d'Italia per traffico di passeggeri.

   Ma non sono solo questi i numeri che la caratterizzano...

   Infatti, la città etnea è la più densamente popolata di tutta la Sicilia, si trova al decimo posto tra i Comuni italiani più popolati e rappresenta la città "non capoluogo di Regione" più popolosa d'Italia. Può contare infatti su una popolazione di circa 580 mila residenti e, nella sua area metropolitana, se ne annoverano 200 mila in più.
 
Catania in pillole...

  • Cap Catania: 95121-95131
  • Prefisso tel.: 095
  • Santo Patrono: Sant'Agata (festeggiata il 5 febbraio)
  • Informazioni al cittadino: numero verde 800887077